baselectron pcb express service - circuiti stampati professionali, multistrato, speciali
Baselectron s.r.l. - Via M. Angelini, 22 - 27028 San Martino Siccomario (Pv) - Tel. 0382 556027 - Fax. 0382 556028 - E-mail: info@baselectron.com
versione inglese del sitovai alla home page del sitovai alla sezione dedicata ai prodottivai alla sezione dedicata alle newsvai alla pagina dedicata alle informazioni utiliVisualizza alcuni dati di baselectronrichiedi un preventivoguarda lo staff di baselectronvai alla pagina dei linksvai alla sezione downloadvai alla sezione dedicata alle campionature urgenti
Venerdì, 26 Aprile 2019
 
22-03-2011 - Terremoto in Giappone, ferme le fabbriche di Silicio - A seguito del terremoto due produttori giapponesi hanno sospeso l'attività in due fabbriche che rappresentano oltre il 25% della produzione mondiale di Silicio per circuiti integrati.

Le conseguenze saranno probabilmente un aumento significativo del prezzo degli IC e una successiva indisponibilità di molti prodotti.

12-01-2011 - Con LevelCore potrai avere un K=360 W/m-K!!!!!! - Risolti tutti i problemi di dissipazione per LED di potenza!
05-10-2010 - LED di potenza? - Tra breve sarà disponibile un nuovo processo, unico nel suo genere che consentirà di risolvere molti problemi.
19-05-2010 - PCB - Aumentano i prezzi - A seguito dell'aumento delle materie prime che nell'ultimo anno ha viso una crescita di oltre il 50%, i prezzi di vendita dei PCB stanno subendo aumenti compresi tra il 5 e il 15%
01-01-2010 - Buon Anno! - Si ricomincia a crescere?

19-05-2010 - PCB - Aumentano i prezzi

A seguito dell'aumento delle materie prime che nell'ultimo anno ha viso una crescita di oltre il 50%, i prezzi di vendita dei PCB stanno subendo aumenti compresi tra il 5 e il 15%

PCB

I prezzi salgono!

Dopo un lungo periodo di stagnazione del mercato del circuito stampato durante il quale si è osservata una continua discesa dei prezzi, in buona parte dovuta alla presenza di società di puro trading di prodotti cinesi che ha costretto i fabbricanti italiani a enormi sacrifici pur di restare nel mercato, da alcuni mesi si comincia ad osservare un sensibile aumento dei listini.

Ciò è dovuto a diversi fattori:

Ø     Aumento del prezzo e indisponibilità delle materie prime

Ø     Crescita del mercato interno cinese

Ø     Recupero di redditività da parte dei produttori italiani.

Ø     Il prezzo del rame è passato dai 3,8 $/Kg del 2009 ai  quasi 7,6$ di aprile 2010, con un incremento del 100%.

La resina per produrre il laminato deriva dal petrolio che nello stesso periodo è passato da 36 a oltre 70$ al barile con un incremento del 100%

Lo stagno è passato da 10 a 17$/Kg.  con una crescita del 70%.

L’oro è passato da 600 a 1200$ l’oncia con una crescita del 100%

Il dollaro si è fortemente apprezzato facendo ulteriormente lievitare i prezzi di acquisto.

Il mercato interno cinese ha visto un’inaspettata crescita di oltre il 22% nell’ultimo semestre. La crisi globale sembrava aver toccato anche la Cina, invece il calo della domanda è durato solo pochi mesi e non ci si aspettava un recupero così repentino; ciò  ha portato i produttori di materiali a privilegiare il mercato interno piuttosto che l’export.  Tale dinamica ha fatto emergere una carenza strutturale della produzione di laminati di base. Infatti quasi tutti i laminatori europei hanno chiuso i loro impianti e, fatta eccezione per gli stabilimenti tedeschi ed austriaci, difficilmente torneranno a produrre. Le fonti alternative sono unicamente cinesi, che appunto a partire da aprile 2010 stanno aumentando continuamente i prezzi al ritmo del 10-15% al mese.

Ne consegue che i pochi che producono ancora in Europa hanno a loro volta adeguato i prezzi e i tempi di consegna alle mutate condizioni di mercato, allineandosi agli aumenti cinesi.

Ora, se consideriamo che, a seconda della tipologia di prodotto, le materie prime incidono tra il 25 e il 50% del prezzo di produzione, ne consegue una oggettiva necessità di recuperare valore sul prezzo di vendita dei PCB.

Come si diceva è poi necessario un congruo recupero di redditività dei prodotti fabbricati in Italia, infatti i produttori nazionali hanno resistito quasi tutti alla crisi globale, ma hanno però già assorbito tutti gli aumenti che ci sono stati negli ultimi 24 mesi (ci riferiamo primariamente a energia, mano d’opera, prodotti chimici e trasporti) e non sono più in grado di comprimere ulteriormente i costi di produzione, perché il livello di automazione e di produttività delle tecnologie utilizzate ha già raggiunto la massima efficienza possibile.

Per contro sono richiesti investimenti importanti per adeguare gli impianti alle nuove tecnologie HDI (High Density Interconnection) sempre più richieste dal mercato.

Alla luce di queste considerazioni gli aumenti che si stanno verificando nel mercato PCB risultano più che giustificati e probabilmente non si tratta di una tantum, ma di un trend di incremento che avrà termine solo quando il mercato delle materie prime si sarà stabilizzato.

 

La previsione più realistica, al momento, è che i ritocchi ai listini (che  potranno variare caso per caso in funzione delle tipologie e quantità dei prodotti), potranno essere nell’immediato  non inferiori al 5-10% e con un successivo recupero in autunno di un altro 10%.

Questo comunicato è stato redatto e sottoscritto dai fabbricanti italiani di PCB aderenti al Gruppo PCB di Assodel.





« vai all'elenco delle news

circuiti stampati professionali, circuiti stampati multistrato, circuiti stampati speciali - campionature urgenti in 24 e 48 ore
© BASELECTRON   |   HOME PAGE   |   DISCLAIMER   |   MAPPA DEL SITO   |   PRODOTTI   |   CONTATTI   |   E-MAIL img media - realizzazione siti web paviapowered by IMG MEDIA